Home » Comunicazione » News » Together for Tavolara: nuovo progetto per la tutela ambientale

Presentato ieri alla stampa il progetto “Together for Tavolara”, proposto dalla associazione Mine Vaganti NGO, in collaborazione con l’Area Marina Protetta Tavolara - Punta Coda Cavallo, finanziato dalla Fondazione con il Sud, con un network di 8 partner italiani, sia pubblici che privati, altamente specializzati nel settore dell’istruzione e della ricerca, della nautica e della vela.

Il progetto è promosso dalla Fondazione con il Sud, un ente non profit privato che promuove l’infrastrutturazione sociale del Mezzogiorno, la tutela dell’ambiente e la valorizzazione dei beni comuni.

“Together for Tavolara” è stato finanziato con un contributo di 125 mila euro nell’ambito del Bando Ambiente 2015, con il quale la Fondazione ha rinnovato il proprio impegno sul tema della tutela e valorizzazione dei beni ambientali nei territori meridionali. La solida collaborazione tra Mine Vaganti NGO e AMP Tavolara nasce nel 2012 quando una realtà che opera con successo nella progettazione europea in svariati programmi incontra il consolidato Consorzio di Gestione dell’AMP Tavolara – Punta Coda Cavallo e avvia una serie di programmi incentrati sulla tutela ambientale.

Questo ha portato all’ideazione di un progetto per la salvaguardia del patrimonio naturale dell’Area Marina Protetta di Tavolara – Punta Coda Cavallo  attraverso la citizen science, sensibilizzando studenti e appassionati di immersioni subacquee sulle problematiche relative alle specie alloctone e coinvolgendoli nella raccolta dati e nel monitoraggio delle specie presenti nel parco. Insieme, queste hanno poi creato una rete a livello locale costruendo un Consorzio di 8 partner che ha presentato la proposta progettuale. "Together for Tavolara” prevede azioni di cittadinanza attiva e attività di sensibilizzazione ambientale dell'Area Marina Protetta di Tavolara. Il progetto della durata di 2 anni consiste in attività marine e terrestri volte a coinvolgere la popolazione dell'area circostante. Le linee di intervento sono 4: educazione non formale, attività subacquee di monitoraggio e mappatura per l’habitat Posidonia oceanica e per le specie aliene , monitoraggio ed eradicazione di specie aliene vegetali invasive costiere, monitoraggio e pulizia delle spiagge nell’ AMP, raccolta dati e loro divulgazione.

Partner

Comune di Olbia, Comune di Loiri - Porto San Paolo, Comune di San Teodoro, Università di Sassari, Istituto Tecnico Statale “A.Deffenu”,  Associazione Slow Dive, Circolo del Levante, Reef Check Italia.

 
Ritornano le berte!
18 gennaio 2019


Come ogni anno, le berte minori di Tavolara ritornano nei loro nidi....

  
Navigando il sito amptavolara.com acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.