Rete Regionale per la conservazione della Fauna Marina SardegnaL’AMP è nodo della rete regionale per la conservazione della fauna marina

In caso di ritrovamento di animali in difficoltà contattare il
logo emergenza in mare, guardia costieralogo emergenza ambientale, segnalazione incendi boschivi

Mpa Engage

Titolo del progetto: MPA ENGAGE: Engaging Mediterranean key actors in Ecosystem Approach to manage Marine Protected Areas to face Climate change

Data di avvio: 01 11 2019      Data di conclusione: 30 06 2022

Budget totale: 3.895.042,39 Euro

Budget AMP Tavolara: 200,587 Euro di cui

Finanziamento EU: 170.499,00 Euro Co finanziamento: 30.088,06 Euro

Partner

1.      CSIC - Institute of Marine Sciences - SPAIN

2.      Stazione Zoologica Anton Dohrn - ITALY

3.      MPA PORTOFINO - ITALY

4.      Calanques National Park - FRANCE

5.      Polytechnic University of Marche - ITALY

6.      Public Institution Brijuni National Park - CROATIA

7.      Management Agency of Zakynthos National Marine Park - GREECE

8.      Ministry of Territory and Sustainability,Government of Catalonia - SPAIN

9.      Management consortium of Marine Protected Area of Tavolara Punta Coda Cavallo -ITALY

10.   Development Mediterranean Information Office for Environment, Culture and Sustainable - GREECE

11.  Regione Liguria - ITALY

12.  DAN Europe Foundation - MALTA

13.  University of Vigo –Future Oceans Lab - SPAIN

14.  Association for Protection of Aquatic Wildlife of Albania - ALBANIA

Obiettivo specifico del programma:

Mantenere la biodiversità e gli ecosistemi naturali attraverso il rafforzamento della gestione e della messa in rete delle aree protette

Natura del progetto: test e capitalizzazione

Descrizione: L’obiettivo generale del progetto è di promuovere il ruolo delle Aree Marine Protette come strumenti chiave per prevenire la perdita di biodiversità e mantenere l’integrità degli ecosistemi marino-costieri a fronte della pesante influenza che sta producendo e produrrà il fenomeno globale del cambiamento climatico. L’obiettivo di mantenere la biodiversità e i naturali ecosistemi passa attraverso il rafforzamento della gestione e il networking (“fare rete”) delle aree protette. L’obiettivo è quello di far cooperare diversi “attori”: Aree Marine Protette, operatori economici locali quali pescatori professionali e chi opera nella subacquea ricreativa, autorità locali e regionali ma anche scienziati e cittadini per l’implementazione di specifici programmi di “adattamento” al cambiamento climatico. Difatti, i gestori delle AMP sono incaricati, per finalità istitutive, di adattare la loro gestione attraverso un approccio co-partecipativo supportato da valutazioni di monitoraggio e vulnerabilità; gli scienziati, capitalizzando esperienze comprovate, portano le migliori informazioni scientifiche disponibili per le metodiche da testare; le autorità in quanto responsabili delle politiche, sostengono i gestori; gli operatori economici locali sono essenziali nell'approccio partecipativo per “disegnare” il piano di adattamento ed infine la scienza dei cittadini contribuisce alle attività di monitoraggio e promuove la crescita della consapevolezza. Sebbene la politica dell'Unione Europea fornisca il quadro per affrontare gli effetti del cambiamento climatico (European Climate Change Programme), la loro attuale implementazione è essenzialmente mancante. L’AMP realizzerà localmente attività di disseminazione per aumentare la consapevolezza dei cittadini riguardante le cause e le conseguenze del cambiamento climatico sulla biodiversità, l’attività di pesca, il turismo, le attività locali mediante i più diffusi mezzi di comunicazione e specifici strumenti saranno realizzati; inoltre sarà anche un sito di sperimentazione di nuovi protocolli specifici per le caratteristiche dell’area. Oltre all'evidente potenziale di sensibilizzazione, il coinvolgimento dei cittadini in progetti di scienza (Citizen Science) contribuirà a sostenere e moltiplicare gli sforzi di monitoraggio nelle aree costiere. Questo sarà implementato attraverso la raccolta di dati sul campo da parte di gruppi di volontari addestrati. Questo approccio partecipativo fornirà informazioni chiave ai diversi soggetti interessati (ad esempio, responsabili e scienziati). Inoltre, la componente di scienza dei cittadini fungerà da potente strumento di diffusione per evidenziare le crescenti prove degli effetti dei cambiamenti climatici sull'ambiente marino.

Acronym: MPA ENGAGE

Project title: MPA ENGAGE: Engaging Mediterranean key actors in Ecosystem Approach to manage Marine Protected Areas to face Climate change

Period: 11/2019 – 06/2022

Budget totale: ~ 3 M€

85% co-founded by the European Regional Development Fund

 

14 Partner

Countries: Albania, Croatia, France, Greece, Italy, Spain

1.      CSIC - Institute of Marine Sciences - SPAIN

2.      Stazione Zoologica Anton Dohrn - ITALY

3.      MPA PORTOFINO - ITALY

4.      Calanques National Park - FRANCE

5.      Polytechnic University of Marche - ITALY

6.      Public Institution Brijuni National Park - CROATIA

7.      Management Agency of Zakynthos National Marine Park - GREECE

8.      Ministry of Territory and Sustainability,Government of Catalonia - SPAIN

9.      Management consortium of Marine Protected Area of Tavolara Punta Coda Cavallo -ITALY

10.   Development Mediterranean Information Office for Environment, Culture and Sustainable - GREECE

11.  Regione Liguria - ITALY

12.  DAN Europe Foundation - MALTA

13.  University of Vigo –Future Oceans Lab - SPAIN

14.  Association for Protection of Aquatic Wildlife of Albania - ALBANIA

Programme specific objective:

To maintain biodiversity and natural ecosystems through strengthening the management and networking of protected areas

Type of project: Testing and Capitalising

MPA-ENGAGE is articulated on 3 Work Packages:

TESTING MPAs and relevant stakeholders (in particular recreational divers and small-scale/recreational fishery sectors) will be engaged in implementing and testing successful and novel methodologies to enhance the resilience to CC effects. The activities concern 5 key topics: Vulnerability assessment (ecological and socio-economic); Monitoring protocols; Citizen Science; Quintuple Helix participatory approach; Adaptation plans

TRANSFERRING The operational know-how of MPA-ENGAGE will be capitalized and transmitted to key coastal actors in order to develop an extremely robust and resilient strategy for success. Trainings, Twinning and Data Sharing (ongoing and consolidated Platforms) are the main activities.

CAPITALIZING Capitalization and mainstreaming is the last step of this process to promote the role of MPAs as central tools for the adaptation and mitigation to CC in the Mediterranean region.

 

News


Iniziano domani 7 maggio, con le classi del liceo classico "A....

 

Rassegna stampa


La Nuova Sardegna. Articolo del  30 aprile 2013. Clicca qui per...

 

©  2011 Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo     Sede Legale: via Dante 1, OLBIA (SS) - 07026                                       Sede operativa:  Via San Giovanni 14, OLBIA (SS) - 07026           Telefono 0789/203013 - Fax 0789/204514 Mail:info@remove-this.amptavolara.itPec: amptavolara@pec.it 

Credits

Area Riservata

logo ministero ministero dell'ambientelogo EMASlogo Rina
Navigando il sito amptavolara.com acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.