Home » Comunicazione » News » Tartarughe marine in difficoltà: sensibilità e consapevolezza per la loro protezione

Rete Regionale per la conservazione della Fauna Marina SardegnaL’AMP è nodo della rete regionale per la conservazione della fauna marina

In caso di ritrovamento di animali in difficoltà contattare il
logo emergenza in mare, guardia costieralogo emergenza ambientale, segnalazione incendi boschivi

Tartarughe marine in difficoltà: sensibilità e consapevolezza per la loro protezione

27 marzo 2021

Sale a 5 il numero di tartarughe ritrovate nel giro di una settimana nelle acque dell’Area Marina Protetta di Tavolara Punta Coda Cavallo. Gli animali sono stati soccorsi tempestivamente grazie alle segnalazioni (fondamentali!) di cittadine, cittadini e forze dell’ordine e alla successiva staffetta per il trasporto dell’animale in uno dei centri di soccorso presenti sul territorio sardo. Le competenze sviluppate dagli operatori delle Aree Marine Protette (AMP), nel corso di tanti anni, a partire dalla costituzione della Rete Regionale per la conservazione della fauna marina per volontà dell’Assessorato della Difesa dell’Ambiente della Regione Sardegna nel 2005, hanno fatto sì che tante tartarughe potessero essere recuperate presso i Centri di Recupero (Ospedalizzazione e di primo soccorso) e, nel corso del medio lungo termine, rilasciate per proseguire la loro vita. Ma i ritrovamenti degli ultimi giorni risuonano come campanelli di allarme: il Direttore dell’AMP di Tavolara Augusto Navone “Tutti gli animali ritrovati sono vittime di catture accidentali con strumenti di pesca abbandonati (lenze, ami, reti abbandonate) anche l’ultima ritrovata ieri 25 marzo,  provvidenzialmente segnalata da due pescatori sportivi con regolare licenza di pesca. Ricordiamo che le tartarughe ritrovate appartengono alla specie Caretta caretta, la più comune e diffusa nel Mar Mediterraneo e tra gli animali selvatici per i quali sono stati adottati strumenti legali per la loro protezione (ad esempio, la Convenzione di Berna 1979 e quella sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione – CITES 1973, le Direttive Europee Habitat e Marine Strategy Framework).” Si tratta infatti di animali dal ciclo di vita complesso. Sono animali migratori, si spostano in aree diverse del Mar Mediterraneo per scopi diversi: sottocosta per alimentarsi o in spiaggia per depositare le uova. Questa spiccata vivacità per la frequentazione di ambienti diversi li rende estremamente vulnerabili alle modificazioni indotte dall’Uomo. Insieme ai mammiferi marini rappresentano le sentinelle della biodiversità da salvaguardare, perché sono animali carismatici e facilmente riconoscibili. La loro vitalità e resistenza alle lunghe e talvolta complicate degenze restituisce il senso degli sforzi compiuti da chi opera a tutti i livelli (dal cittadino informatore, alle forze dell’ordine e alle AMP che operano secondo mandati e principi istituzionali, fino all’operatore scientifico che agisce con passione!). Ma tutto ciò non è ancora sufficiente. Dobbiamo sforzarci di pensare più in grande, agire secondo intenti comuni tra territori che condividono lo stesso mare e dunque lo stesso patrimonio naturalistico. Sin dalla sua istituzione l’AMP di Tavolara ha consolidato la propria mission istitutiva attraverso dedicati progetti di educazione ambientale, sensibilizzazione ed informazione scientifica, giungendo così ad un rapporto di fiducia con gli operatori economici del territorio che oggi dimostrano maggiore consapevolezza sui temi della conservazione e tutela della biodiversità. Pensiamo che questa sia la base per ricostruire una coscienza ambientale collettiva, che appartiene a ciascuno di noi, e una strategia per poter arginare questi fenomeni di degrado che portano alla perdita della nostra più grande ricchezza: la Natura.

 

Torna alla lista delle news

 

News


Vi invitiamo a partecipare a questo importante questionario: squali...

 

Tutela e valorizzazione ambientale, educazione, comunicazione, sensibilizzazione e promozione dello sviluppo sostenibile

 

©  2011 Area Marina Protetta Tavolara Punta Coda Cavallo     Sede Legale: via Dante 1, OLBIA (SS) - 07026                                       Sede operativa:  Via San Giovanni 14, OLBIA (SS) - 07026           Telefono 0789/203013 - Fax 0789/204514 Mail:info@remove-this.amptavolara.itPec: amptavolara@pec.it 

Credits

Area Riservata

logo ministero ministero dell'ambientelogo EMASlogo Rina
Navigando il sito amptavolara.com acconsenti all'utilizzo dei Cookie. Per maggiori dettagli.